RICHIESTA INFORMAZIONI

Per ottenere maggiori informazioni si prega di compilare i dati sottostanti. Verrete contattati al più presto.

FUTURISM
SENZA TEMA
15 Maggio - 15 Settembre 2019

A cura di Giancarlo Carpi

Il futurismo si espresse come concezione dell’attività umana nel mondo. Come nuova apertura dell’opera d’arte verso l’esterno, verso la vita vissuta. Un’innovazione formale palese nel dinamismo delle figure che è soprattutto un tentativo di oltrepassare la materialità del quadro, il suo limite oggettuale e di connetterlo al divenire della materia. Allo stesso tempo, il quadro futurista vuole superare se stesso risolvendosi in una dimensione puramente sensoriale, come se non vi fosse differenza alcuna tra il sorbire una bevanda e os- servarlo, o toccarlo. L’opera futurista si basa sul superamento del limite che a volte essa stessa pone. Sullo sconfinamento tra generi artistici, tra linguaggi e tra espressioni mediali. L’opera futurista ambisce alla lucen- tezza del metallo e all’immaterialità delle sensazioni, ai profumi e al gusto. L’opera futurista considera il suo “soggetto”, un’automobile, un concerto, una paesaggio aereo, una motocicletta o un bicchiere, come altret- tante essenze che si trasferiscono ed esprimono nel loro moto. Nell’opera futurista la materia prende vita e l’uomo è pensato in quella stessa materia, come se fosse diventato qualcos’altro. Così si apre a un futuro, determina la possibilità del suo futuro. Una nuova condizione vitale che interpreta e si fa carico anche delle contraddizioni della modernità. La pittura futurista è aggressiva, sconcertante, ma allo stesso tempo assertiva e spesso gioiosa. L’opera futurista registra la pressione atmosferica, la composizione chimica attraverso forme e colori. La visione a volte è dall’alto in basso, il corpo umano meccanico dei nuovi aeroplani sorvola paesag- gi trascorrenti, mentre esso stesso è deformato dal contrasto con l’aria. L’opera futurista rappresenta sistemi astrali e dinamismi plastici, in forme di astrazione nelle quali permane una consistenza espansiva, mobile, della forma/soggetto. L’opera futurista è solo una parte della filosofia futurista, che si eterna egualmente nell’azione, nella polemica, nella cucina, nell’aviazione, nell’invenzione di nuovi oggetti. La filosofia futurista è contraddittoria e quindi vitale. Negativa e attiva. L’opera futurista non sconta alcuna differenza rispetto agli oggetti quotidiani, alle sensazioni che si prova usandoli. L’opera futurista si connette ai nostri sistemi interme- diali, è totalmente estroflessa, trasmessa. L’opera futurista è comunicazione effimera. È l’atto di comunicare, con una lettera postale come con un vestito. L’opera futurista è apparire, imprimersi. L’opera futurista è l’im- pressione dinamica del corpo e dell’ambiente, giacché viviamo collegati agli oggetti che usiamo e costruiamo noi stessi il nostro spazio.

PRESS REVIEW